Intervistarlo è una vera opportunità. Avere a disposizione un’intera giornata con lui, beh, questo è proprio un privilegio. La fama che lo circonda è quella di Re Mida, il personaggio mitologico che trasformava in oro tutto ciò che toccava. Perché proprio questo fa Nick Betancourt, considerato il PR del lusso a Miami. Attraverso lui passano tutti i marchi del lusso che cercano raggiungere il mercato statunitense. L’azienda che intende lanciare il proprio prodotto sul mercato USA, con la garanzia di intercettare il target di clientela mirata , quella del lusso e dell’eccellenza , e di posizionare meritatamente il marchio sul mercato, beh, questa azienda non può fare a meno di Nick Betancourt PR!

Le sue credenziali parlano da sole: impressionante portafoglio di marchi di lusso a livello mondiale e una A-list di celebrità con cui ha lavorato. Tutta meritata dunque la fama di PR del Lusso! Un’occasione da non perdere quindi l’intervista con Betancourt, per “strappare” qualche segreto su come lanciare un marchio a Miami. Incontriamo Nick presso la stazione televisiva locale di Miami dove lavora direttamente con i produttori esecutivi per le campagne pubblicitarie di prodotti di lusso.

Nick, come sei diventato PR?

“La mia avventura nelle pubbliche relazioni ha inizio circa 14 anni fa, quando lavoravo per una società di tele-comunicazioni. L’azienda stava  lanciando una nuova tecnologia che è da voi in Italia la rete 4G. Al momento del lancio di questa tecnologia, tenuta top secret fino all’ultimo, l’azienda ha avuto la necessità di divulgare il prodotto con un linguaggio comprensibile e accessibile a tutti. E lì entro in gioco io, scelto proprio dall’azienda per la comunicazione pubblica di questa nuovo prodotto.. Da lì ho continuato a collaborare con altre imprese, sempre per la comunicazione…..”

Ma come sei diventato il Pr del Lusso?

“Con la credenziale più importante in questo settore: il passaparola! Ho lavorato per marchi come Bang & Olufsen, Rolex, Maserati, Baron Philippe de Rothschild, e ho fatto un ottimo lavoro.Ho meritato la loro fiducia. E’ stata la soddisfazione di una clientela così particolare che ha decretato il mio successo. Quando cominciano a parlare bene di te…il gioco è fatto! Certo, non è così facile come può sembrare, ci sono voluti anni di duro lavoro per guadagnare credibilità presso la clientela di questo livello…..”

Cosa suggeriresti ad una azienda italiana per il lancio del proprio marchio sul mercato del lusso degli Stati Uniti?

“Innanzitutto è importante che l’azienda capisca che è indispensabile un cambiamento di mentalità: le cose funzionano diversamente negli Stati Uniti, questo deve essere chiaro sin dall’ inizio. Intraprendere una attività negli USA può essere pericoloso, può diventare un pozzo senza fine…. per questo consiglio la messa a punto di una strategia che abbia obiettivi chiari.Fatto questo, è necessario stabilire un vero e proprio “piano media”, che comprenda i social, i media, la stampa e la televisione. Questo piano deve prevedere anche i costi di pubblicità sulle varie piattaforme e il costo di un pubblicista per le altre forme pubblicitarie. Un lancio riuscito è il mix perfetto tra l’incontro con la potenziale clientela e la visibilità mediatica: guai a pensare di fare a meno di uno dei due canali, sarebbe un vero buco nell’acqua! L’azienda deve  anche essere consapevole del proprio budget ed essere pronta anche per un investimento a  lungo termine. E’ incredibile vedere come molti imprenditori stranieri approdino al mercato statunitense convinti che basti aprire per avere la clientela pronta ad aspettarli… non è così! Sembra assurdo, ma lo vedo fare ripetutamente…. Qua in USA occorre avere un piano di marketing e media fattibile per raggiungere visibilità. Un  marchio può avere successo in Italia, ma non è detto che sia lo stesso negli USA. Qua è tutto diverso….”

Nonostante l’intervista, Nick non ha mai interrotto il suo lavoro. Riceve i clienti discutendo con loro i programmi delle riprese. Tutte le questioni sono trattate  con efficienza e con rapidità sorprendente. In dieci minuti Betancourt stabilisce per i propri clienti la programmazione pubblicitaria della tv per le prossime 4 settimane! Lasciata la stazione tv, ci incamminiamo con Nick verso South Beach per il nostro secondo incontro. Raggiungiamo uno degli alberghi di recente costruzione, un vero inno al lusso! Attraverso la hall dorata, ci viene incontro il direttore del marketing ed eventi, una bellissima donna che si mette subito a parlare con Nick dell’evento per uno dei suoi clienti del campo della musica. Sentiamo parlare di date disponibili e di sponsor per il lancio di un nuovo album. Festeggiamo l’incontro con Nick con un calice di ottimo champagne …. Ma la curiosità ha il sopravvento….

Complice l’interesse crescente di tante aziende italiane di voler lanciare i propri prodotti negli USA, cominciano a pullulare figure di consulenza e di PR come la tua. Come scegliere il consulente giusto?

“Quella del consulente è una delle scelte più importanti per il marchio di un’azienda! Bisogna stare  attenti quando si sceglie qualcuno destinato a rappresentarci. E’ importante non fidarsi delle apparenze,non è tutto oro quello che luccica! Consiglio di verificare le referenze,  parlare con i clienti precedenti cercando di scoprire i risultati conseguiti. Diffidare da chi promette mari e monti! Spesso e volentieri, dietro l’apparente professionalità, si nasconde l’intento di carpire la buona fede del cliente, come spesso mi è capitato di vedere, purtroppo.”

La nostra giornata con Nick Betancourt sta volgendo al termine mentre lui si prepara per  l’evento  di un cliente nel Design District, il  gotha del lusso a Miami. Nessuna preoccupazione: torneremo a parlare di lui molto presto, anzi….. Vi promettiamo sorprese strabilianti! D’altronde, dal guru del lusso, ci possiamo aspettare solo… effetti speciali!

E’ possibile seguire e contattare Nick Betancourt su LinkedIn, Facebook, Twitter e Instagram.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO