La Formula 1 si affaccia al nuovo millennio diventando definitivamente americana. Gli appassionati di questo sport sanno benissimo che il Boss del Circus più ricco al mondo non è più il caro vecchio Bernie e che i gloriosi canti dei V12 aspirati sono stati sostituiti dalle sorde Power Unit e i sorpassi ormai si fanno solo aprendo il DRS. L’ingresso di Chase Carey, proprietario della Liberty Media che ha acquistato la proprietà da Bernie Ecclestone, ha portato indubbiamente quella ventata di aria nuova che la F1 aveva disperato bisogno. La F1 non sarà mai più solo una competizione di velocità ed affidabilità tra i più grandi costruttori d’auto al mondo, ma diventerà show-business in stile SuperBowl. Tutte le più grandi città al mondo sognano di essere inserite come tappa del mondiale F1, la città di Miami di certo non sta a guardare. Il Boss dei Miami Dolphins, Stephen Ross, ha presentato un nuovo progetto mettendo a disposizione un sito di sua proprietà che andrebbe a implementare lo stadio dei Dolphins creando un circuito dal lay-out misto-cittadino nella splendida cornice di una delle più belle città di questo pianeta. Tuttavia il processo per poter ammirare Leclerc battagliare con Verstappen al Bayfront Park di Miami, richiede ancora tempo e altri esami andranno superati. L’unica cosa sicura per adesso è l’amore di Miami per le auto sportive dotate di rombanti cavalli sotto il cofano, altrettanto sicuramente il continente nord americano merita più di un solo GP a stelle e strisce, oggi l’unica tappa è a Austin in Texas. Intanto i rumors che girano all’interno del Circus danno per possibile un F1 GP all’Hard Rock Stadium di Miami per il 2021 nel mese di Maggio. Nel frattempo continuano le contrattazioni per le nuove norme tecniche per le prossime stagioni, i meglio informati giurano di aver avvistato Carey in compagnia della vecchia volpe Ross Brawn sul volo Bologna Londra. Che siano stati a Maranello?

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO