“Crediamo che il valore approssimativo del danno causato da Irma sia di $100 miliardi, uno degli uragani più costosi di tutti i tempi. Questo ammontare rappresenterebbe lo 0,5% del PIL Americano che assomma a $19 trilioni” afferma Chad Myers, della CNN, aggiungendo inoltre che con l’uragano Harvey che ha flagellato il Texas, con un valore stimato di circa $190 milioni, è la catastrofe meteorologica più costosa nella storia degli Stati Uniti d’America, e rappresenterebbe in altre parole l’1% del PIL”.

Secondo Myers le spese economiche, sono così elevate poiché includeranno spese dovute ad interruzione del business, aumento delle rate di disoccupazione, danni ad infrastrutture, perdite di raccolti, danni a proprietà, aumenti del costo del carburante, dovuto chiaramente all’emergenza evacuazione. Milioni di persone hanno infatti lasciato la Florida tra mercoledì e sabato scorso, venendo colpiti da costi notevoli, tutto ciò va proiettato considerando il fatto che le assicurazioni non saranno in grado di coprire completamente i costi, e questo andrà a pesare ulteriormente sulle finanze personali della popolazione.

Ma il denaro non è l’unico problema che occorre: momentaneamente infatti le zone colpite dall’odissea floridita si trovano dinnanzi alla perdita di cinque persone, incluso un vice-sceriffo; 27, per ora, i deceduti nei Caraibi e più di 4 milioni le persone rimaste senza corrente. Molte città hanno avuto la necessità di fissare un coprifuoco militare per salvaguardarsi da ulteriori perdite. Il problema dell’ elettricità si espande in altre zone colpite dal disastro, come la Georgia, dove più di 73.000 individui hanno dovuto convivere con la mancanza di energia.

Secondo il Centro Nazionale Uragani (National Hurricane Center), ci si aspetta che la tempesta correlata all’Uragano Irma rimanga nelle zone dell’entroterra floridita, per poi spostarsi più a nord e a ovest verso la Georgia, l’Alabama e il Tennessee, dove il peggio sarà ormai passato.

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteKey West: una città devastata
Articolo successivoA Miami per “Quanti Italiani Nel Mondo”: Fernando Birri ci racconta il CORAGGIO DI CAMBIARE
Laura Vailati
Lettere e Filosofia ad indirizzo artistico; per 13 anni responsabile per la qualità di un laboratorio agroalimentare. La passione per l’arte l’ha portata a frequentare corsi presso l’associazione illustratori Ars in Fabula di Macerata, con personaggi di spicco dell’ambiente fra i quali Roberto Innocenti, Maurizio Quarello, Miguel Tanco. Appassionata di pasticceria consegue il titolo presso CAST Alimenti, la prestigiosa scuola di pasticceria del Maestro Iginio Massari. Consegue il titolo di “chocolatier” frequentando il corso speciale con il Maêtre Chocolatier svizzero Eliseo Tonti. Spostandosi all’estero, per seguire il marito trasferitosi negli States per lavoro, frequenta corsi con i più grandi pasticceri nel paesaggio internazionale: Christophe Felder, Jean Michael Perruchon, Christophe Michalak, Antonio Bachour, John Martin, Francisco Migoya fra i tanti… Il motto: Vedere è indagare e indagare è conoscere.

LASCIA UN COMMENTO