Josh Richardson

I ragazzi battono gli Atlanta Hawks dell’ex Babbit e del “nostro” Marco Belinelli, zingaro dell’NBA, all’American Airlines Arena, seconda volta in venti giorni dopo la vittoria di pre- season.
Miami passa per 104-93, ma anche questa sera, come sabato scorso, la vittoria è arrivata nei minuti finali dopo aver sciaguratamente sperperato un vantaggio di 21 punti.
Lo specchio della partita è la percentuale al tiro da 3 che Miami ha avuto: 14 su 24 nella prima parte del match, per poi passare a 0 su 13. Wayne Ellington, 20 punti totali, ha messo a segno 6 bombe da 3 punti nel secondo quarto e grazie a questo score gli Heat hanno preso il largo prima che gli Atlanta Hawks tornassero in partita alla fine del terzo quarto.Ultimo quarto giocato sul filo del rasoio e solo nei minuti finali i Miami Heat hanno avuto la meglio sulla squadra di Atlanta grazie, soprattutto, a Josh Richardson che ha segnato 8 dei suoi punti verso la fine del quarto quarto ed è stato stellare nella fase difensiva rubando due volte palla e stoppando per altre due volte gli avversari. Ha preso per mano la squadra nel momento piú delicato e l’ha portata alla vittoria.

J-Rich è enorme per noi, dalla fase offensiva alla fase difensiva“, ha detto Ellington. “È un leader sul campo, una realtà in continua evoluzione. Il suo gioco sta evolvendo, sta diventando sempre più forte, ogni giorno. Sta diventando il tipo di giocatore che è in grado di essere”. Josh Richardson, 21 punti e leader della serata, ha fatto un pò di tutto oggi e ha guadagnato l’onore di essere paragonato a Dwyane Wade, ex tutto fare della squadra di Miami ai tempi di Lebron James e Chris Bosh.

Anche questa sera, fattore campo decisivo. Vediamo se anche mercoledí, quando saranno di turno i San Antonio Spurs, i ragazzi riusciranno a mantenere inviolata l’Arena.

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteIndiana Pacers vs Miami Heat : 108 -112, vincono i ragazzi
Articolo successivoChristian Vieri: un nuovo amore sotto il sole di Miami?
Laura Vailati
Lettere e Filosofia ad indirizzo artistico; per 13 anni responsabile per la qualità di un laboratorio agroalimentare. La passione per l’arte l’ha portata a frequentare corsi presso l’associazione illustratori Ars in Fabula di Macerata, con personaggi di spicco dell’ambiente fra i quali Roberto Innocenti, Maurizio Quarello, Miguel Tanco. Appassionata di pasticceria consegue il titolo presso CAST Alimenti, la prestigiosa scuola di pasticceria del Maestro Iginio Massari. Consegue il titolo di “chocolatier” frequentando il corso speciale con il Maêtre Chocolatier svizzero Eliseo Tonti. Spostandosi all’estero, per seguire il marito trasferitosi negli States per lavoro, frequenta corsi con i più grandi pasticceri nel paesaggio internazionale: Christophe Felder, Jean Michael Perruchon, Christophe Michalak, Antonio Bachour, John Martin, Francisco Migoya fra i tanti… Il motto: Vedere è indagare e indagare è conoscere.

LASCIA UN COMMENTO