Il Pérez Art Museum di Miami, il museo di punta di Miami, fondato dal magnate immobiliare Jorge Pèrez, da oltre dieci anni presenta l’Arte internazionale del XX e del XXI secolo. Progettato dagli architetti Herzog & de Meuron, offre strutture all’avanguardia 200.000 piedi quadrati per esporre Arte a più persone possibile sul lungomare Verde di Biscayane Blvd. La Caribbean Cultural Istitute, è una piattaforma culturale che assegnerà borse di studio a giovani artisti della diaspora caraibica, mettendoli in esposizione attraverso mostre e pubblicazioni. Il progetto nasce grazie anche alla raccolta fondi da parte del PAMM e dei suoi sostenitori tra cui la Fondazione Andrew W. Mellon di New York che ha stanziato un milione di dollari a favore del progetto. Il presidente del PAMM, Franklin Sirmans dichiara: “Miami è un vero e proprio confine settentrionale dei Caraibi e comprende elementi dei Caraibi nei suoi popoli e nella sua cultura, facendone così un punto nevralgico per lo studio della regione. È parte integrante della nostra missione proseguire il dialogo culturale all’interno di quello spazio e amplificarlo verso la comunità internazionale. Ringraziamo la Fondazione Andrew W. Mellon per il generoso sostegno in questo obiettivo”. La Fondazione Andrew W. Mellon è considerata una istituzione dedita alla conservazione e alla promozione di tutto quello che raffigura la storia di interi popoli attraverso l’Arte. La poetessa, nonché presidente della Fondazione Andrew W. Mellon, Elizabeth Alexander, orgogliosa delle innumerevoli iniziative che la fondazione porta avanti, tra le quali, è notizia di ieri 26 Luglio che, in cordata con J. Paul Getty Trust e altre fondazioni “no profit”, abbia acquistato per 30 milioni di dollari la collezione di 4 milioni di immagini che racconta il movimento per i diritti civili e la vita degli afro-americani e di figure di spicco come Miles Davis, Muhammad Ali, Nina Simone, e Coretta Scott King funebre di suo marito e molte altre.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO