L’erba sintetica verrà eliminata dal quartiere di Brickell. Durante la protesta di lunedì scorso, il sindaco Francis Suarez ha informato i cittadini che Easy Grass Miami rimuoverà la copertura dei marciapiedi senza costi aggiuntivi. La scelta di rimuovere il manto sintetico è stata spinta soprattutto dalla preoccupazione degli abitanti del quartiere che le parti artificiali e la copertura diretta del cemento siano dannose per l’intero ambiente. Basti pensare ai cani che sostano nella zona e ai residui rilasciati dalle parti plastiche. L’intero progetto di abbellimento che prevedeva una spesa totale di $ 300.000 è stato infatti definito dai manifestanti una vera e propria “plastificazione” di Miami. I cittadini che sono scesi per strada a dare il loro contributo sono riusciti per ora a raggiungere un primo obiettivo e non molleranno la causa. Molti di loro continueranno ad interessarsi al problema e parteciperanno ad incontri con alcuni funzionari della città per garantire che venga impiantata erba naturale e che Miami diventi davvero green.

 “Un amore di plastica” non è fatto per andare lontano.

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteFinita la preseason, ora si fa sul serio.
Articolo successivoLa diffusione della Lingua Italiana? Questione di Network!
Roberta Fioretti
“È una Erre! Irriverente, irragionevolmente indisponente. Lei non è un fiore, ha solo spine, è un cactus verde”. È così che con autoironia si descrive Roberta Fioretti in una delle canzoni che la vedono come autrice. Laureata con lode alla magistrale di Linguistica e in Lingue e letterature straniere, iscritta alla Siae come autore, sa come sfruttare il potere delle parole. Da Prof. di lingua francese a commerciale vendite passando dal suo ultimo progetto di Tango Terapia, trasforma le idee in parole e le parole in progetti. “È sulla torre non c’è più il drago Lei l’ha mangiato”.

LASCIA UN COMMENTO