Non sono bastati i 30 punti di Josh Richardson e Goran Dragic per evitare la quinta sconfitta di fila. Già perchè, ieri sera, all’American Airlines Arena James Harden (41 punti, 6 assist e 4 rimbalzi) e Chris Paul (24 punti, 7 assist e altrettanti rimbalzi) hanno portato i Rockets, prima al vantaggio nell’intervallo lungo (61-57) e poi alla vittoria con 109-101. Miami (29-26) mantiene la sua settima posizione nella Eastern Conference, ma subito alle sua spalle deve fare i conti con le 5 vittorie consecutive dei Detroit Pistons (27-26) e i 76ers di Philadelphia (26-25).

Dopo il rientro dall’intervallo lungo gli Heat cercano di riagganciare il punteggio, Josh Richardson (30 punti, 5 assist e 4 rimbalzi) realizza un 9-0 personale, portando la squadra in vantaggio, ma è un vantaggio che dura ben poco, infatti i Rockets ripartono e Chris Paul mette a segno una tripla: adesso il punteggio è 97-90. Purtroppo la squadra di Miami, nonostante il contributo di Goran Dragic (30 punti, 6 assist e 3 rimbalzi) e Hassan Whiteside (16 punti e ben 17 rimbalzi), non riuscirà a colmare il deficit e alla fine Houston chiuderà il match con un +8. Ancora una volta Coach Spoelstra deve fare a meno di Kelly Olynyk (infortunio spalla sinistra) e Wayne Ellington (spalla destra), e ancora una volta Derrick Jones Jr., rientrato nella mattina da Sioux Falls, sostituisce il compagno Kelly Olynyk.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO