Un mese fa. Sembra una data da ritorno al futuro e vi starete sicuramente chiedendo, perché?
Se scorrete indietro negli anni, esattamente nel Maggio 2018, avevamo predetto la notizia che il mondo della F1 sarebbe approdato a Miami, attraverso la realizzazione del Circuito Cittadino attorno all’Hard Rock Stadium.
Non sono bastati i progetti rinviati, i problemi legati al disegno del tracciato cittadino, la sicurezza per i Piloti e le monoposto, la pandemia mondiale che ha congelato tutti gli eventi sportivi per due lunghissimi anni.
Ma si sa, alla fine la Storia la scrivono i vincitori, coloro che perseverano nella realizzazione dei loro obbiettivi. Il comitato organizzativo del Circuito di Miami alla fine ce l’ha fatta, ottenendo dalla società Licenziataria della F1 (la Liberty Media) la concessione a realizzare il progetto del Tracciato cittadino di Miami, approdato per la prima volta e inserito tra le gare valide per il Mondiale di F1 nell’aprile 2021 (approvato dal 2019 e rinviato per quasi tre anni) e con contratto Decennale.
Nel week end del 6-7-8 Maggio, quindi, si è disputato lo spettacolare esordio del GP di Miami accompagnato da ottime condizioni climatiche (soleggiato e ombreggiato da qualche nuvola , 32° e 45° sull’asfalto) confermate dal due volte Campione del Mondo Mika Hakkinen, via social: “Le condizioni super calde e umide, insieme a una pista che non perdona gli errori, saranno una vera sfida per i piloti, ma sarà una gara piena di azione per gli spettatori”.
Miami diventa, dopo Indianapolis dal 1950 al 1960 e dal 2000 al 2007, Sebring nel 1959, Riverside nel 1960, Watkins Glen dal 1961 al 1980, Long Beach dal 1976 al 1983, Las Vegas nel 1981 e nel 1982 e dal 2023, Detroit dal 1982 al 1988, Dallas nel 1984, Phoenix dal 1989 al 1991 e Austin dal 2012 al 2019 e dal 2021, l’undicesima località statunitense dalla stagione inaugurale del Massimo Campionato F1.
I 5.412 m attraverso 19 curve, 7 a destra e 12 a sinistra, con una accelerazione sul 58% del tracciato hanno reso lo spettacolo ancora più denso, con tre rettilinei dove sfruttare la miglior accelerazione e aerodinamica possibile con IL DRS.
E proprio noi, che del Made in Italy ne abbiamo fatto una Missione, abbiamo gioito nel vedere le Rosse di Maranello partite a Sprint nel Campionato e dopo un brusco stop a Imola nel precedente GP, riconquistare la Pole sotto il Sole della Magic City, dominando le sessioni di prove libere e nelle qualifiche.
Alla partenza prima Fila riservata alla Ferrari, seguiti in seconda dalle Redbull e in terza tra L’Alfa Romeo e la Mercedes.
La Gara, proprio per le peculiarità del Circuito ha tenuto vivo il ritmo nel primo quinto di gara a dominio rosso, salvo poi per Leclerc cedere il passo al 10° giro a Max Verstappen che aveva già sorpassato il compagno Sainz spaccando il fronte Ferrari chiuso nella morsa Redbull. A metà gara con un ampio vantaggio sulle Ferrari, viene introdotta la Safety Car Virtuale per dei pezzi persi sulla pista appartenenti ad una Mclaren. Dal 30° giro è una lotta impari in cui Leclerc prova ad inseguire la Redbull di Max Verstappen senza successo, nel finale il figlio di Schumacher, Mick, si scontra con Vettel, obbligandolo al ritiro.
Il ritmo serrato e i continui sorpassi consentono a Verstappen di strappare il podio per 3’’ a Leclerc con una griglia di arrivo che vede vincere l’iridato Max Verstappen, la doppieta Ferrari al Secondo e Terzo posto, poi ancora Redbull, Alfa Romeo e Hamilton su Mercedes, 6°.
Lo spettacolo di apertura, la parata di star presenti, Lecrerc che nel Paddock che per allentare la tensione ha fatto due scambi col pallone con il Presidente del Club Internacional de Futbol Miam, David Beckham, Michael Jordan con la Famiglia che sfila nel paddock, alle Sorelle Williams presenti sul muretto della Mercedes, Miami è tornata a tutti gli effetti il centro del Jet Set Internazionale.
Con la fine della Pandemia, gli eventi nella Magic City a livello nazionale e internazionale sono tornati. E come sempre regalano emozioni.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here