È accaduto ieri, mercoledì 30 maggio a nord ovest di Miami nella cittadina di Miramar, circa a metà mattina. La tragedia si è consumata a casa della Signora Villasin, nonna paterna della bambina, poche ore dopo che sua madre l’aveva lasciata per andare a lavoro. Una dinamica comune in milioni di famiglie nel mondo, ma un attimo di distrazione e per la bimba non c’è stato nulla da fare; mentre era seduta su una poltroncina gonfiabile è stata morsa da un o dei tre cani che hanno sempre vissuto in famiglia sin da quando erano cuccioli. Verso le 11.30 am ora locale, la chiamata della nonna alla polizia per chiedere aiuto a causa dell’attacco di un animale su un bambino in Kingstone Drive. Subito avvertita anche la mamma della bambina, Brenda, che si è precipitata dal luogo di lavoro a Pompano Beach sulla I-95. All’arrivo della Polizia, non c’era più nulla da fare, ritrovato il corpicino della bimba senza vita sbalzata fuori dalla seggiolina gonfiabile, è stato portato fuori con un telo rosso dagli operatori del soccorso. Sia la nonna che la madre della bambina al momento dell’arrivo dei Media, poco dopo l’intervento della Polizia di Miramar, scosse e in stato di shock, hanno dichiarato che è incredibile che possa esser successo, mentre la madre iniziava a realizzare che la sua piccola non c’era più. L’autorità per il controllo degli animali ha portato in un canile i tre cani domestici non riuscendo a determinare con precisione chi possa aver commesso il fatto. Tragedie come queste non sono nuove nel sud della Florida, basti pensare al caso del piccolo Javon Dade Jr. che a solo l’età di 4 anni è stato attaccato mortalmente da un’altro Pit Bull. Ogni anno si contano più di trenta vittime per attacchi mortali di animali. Purtroppo occorre ancora più cura, ancora più sorveglianza, non ci si può fidare fino in fondo di un animale quando c’è di mezzo un bambino piccolo da accudire.

Una preghiera da parte di tutta la redazione di Buongiorno Miami va alla famiglia Villasin.

Commenti Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO