Parte bene la squadra di Miami che chiude il primo parziale con +9 (35-26), ma già dal secondo quarto si capisce che la partita non sarà affatto semplice, infatti le due squadre arrivano all’intervallo lungo con un punteggio di 60-59, un solo punto di vantaggio per i padroni di casa.

I Magic, nonostante l’assenza del capocannoniere Aaron Gordon, fuori per un infortunio, battono gli Heat con i colpi di Mario Hezonja, Jonathan Simmons e D.J. Augustin, 20 punti per il primo e 16 per gli altri due.

Gli Heat sono guidati, anche se tardivamente, da Josh Richardson, che chiude con 20 punti, 2 assist e 2 rimbalzi. Rientra anche Hassan Whiteside, assente nell’ultima gara per forti disturbi di stomaco, per lui il match finisce con 19 punti e 14 rimbalzi. Importante anche il contributo di Edrice Adebayo che aggiunge al punteggio di Miami anche i suoi 18 punti e 10 rimbalzi. Kelly Olynyk invece è costretto ad abbandonare la gara dopo solo 5.19 minuti di gioco a causa di una tensione alla spalla sinistra.

Nella prossima gara gli Heat ospiteranno la squadra di Houston: l’ultimo scontro tra i due club, a fine gennaio, è finito 99-90 in favore dei Rockets, ci auguriamo che, domani sera, all’American Airlines Arena Miami rientri in gioco e vinca la partita.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO