Si chiude 112-113 il match di ieri sera tra i Wizards di Washington e i Miami Heat.

Ma partiamo dall’inizio. Causa infortuni vari (W. Ellington dolori alla caviglia sinistra ma vicino al rientro, J. Winslow tensione al tricipite femorale, J. Johnson  per un intervento di ernia e D. Waiters per un’operazione alla caviglia sinistra), coach Spoelstra parte con una formazione d’apertura composta da Goran Dragic, Josh Richardson, Rodney McGruder,  James Johnson e Hassan Whiteside. La partita è equilibrata, tanto che si arriva all’intervallo lungo con solo un punto di vantaggio per i padroni di casa della Capital One Arena. Anche nel terzo periodo sono i Wizards ad essere in vantaggio (+4) con John Wall (26 punti) e Bradley Beal (20 punti) come migliori realizzatori, ma nel quarto cambia tutto. Josh Richardson, a cui era stato chiesto di essere più aggressivo ed incisivo in attacco, realizza 13 dei suoi 28 punti totali. Con lui Rodney McGruder (20 punti, 8 rimbalzi e 6 assist) e Derrick Jones (17 punti e 5 rimbalzi) Miami torna in partita e tutto è di nuovo messo in discussione. Ma è Kelly Olynyk che consegna la vittoria in mano degli Heat segnando a 0,2 secondi della fine gli ultimi due punti dei suoi 9 totali. Adesso Wade e compagni si preparano ad ospitare questo sabato la squadra di Charlotte, gli Hornets capitanati da Bismack Biyombo.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO