Art Deco, Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes, da noi meglio conosciuta come “Esposizione Internazionale di Arti Decorative e Industriali Moderne”.

Un cosiddetto fenomeno del gusto nato e tenutosi a Parigi per la prima volta nel 1925, per poi distribuirsi in tutta Europa fino all’America nel periodo compreso fra il 1920 e il 1940. Riguardò le arti decorative, le arti figurative, l’architettura e la moda creando una corrente artistica di cui ancora oggi abbiamo la fortuna di assaporarne l’essenza.

E se in Europa siamo sostanzialmente abituati a simili manifestazioni di bellezze artistiche, la giovanissima America ha ancora qualcosina da imparare.

Ecco perché è importante sottoporre all’attenzione dei nostri lettori eventi d’interesse artistico e storico come quello che si apre Giovedì 18 ottobre a “The Wolfsonian-FIU” di Miami Beach, proprio nel cuore pulsante dell’Art Deco District.

The Wolfsonian-FIU è un museo-libreria e un centro di ricerca in cui il persuasivo potere dell’arte e del design prendono vita grazie ad una collezione di più di 180.000 oggetti compresi fra gli anni 1850-1950, dalla Rivoluzione Industriale alla Seconda Guerra Mondiale. Un viaggio alla scoperta di cosa ci ha resi la società di oggi, i movimenti artistici e tecnologici che ci hanno condotto alla modernità così come la conosciamo.

Con l’esposizione “Deco-Luxury To Mass Market”, gli organizzatori Whitney Richardson, Silvia Barisione e Shoshana Resnikoff, accompagnano il visitatore attraverso l’influenza dell’ Art Deco dalla sua prima apparizione a Parigi fino alla sua affermazione in America. Si tratta della prima mostra su larga scala del Museo dedicata a uno straordinario movimento artistico di cui sappiamo ancora troppo poco. Un motivo per essere orgogliosi della storia che artisti europei di massimo livello hanno creato, vissuto e quindi trapiantato anche negli Stati Uniti.

E’ un’opportunità speciale di condividere la vasta gamma di oggetti dedicati all’Art Deco che sono parte del museo e che non sono mai stati esposti prima“, dichiara Whitney Richardson.

C’è una curiosità enorme rispetto a come questo movimento nato a Parigi abbia attraversato praticamente tutto il mondo, affermandosi in America fino al cuore dell’Art Deco District di Miami. Un’esposizione che incontra anche il vero significato del nostro lavoro, quello di spiegare e capire il fenomeno sociale che c’è dietro la nascita e l’affermazione dell’arte“, continua la curatrice del Wolfsonian Silvia Barisione. 

Un viaggio quello rappresentato dall’esposizione del Deco-Luxury. Dal 1925 alla diffusione in Europa, passando attraverso l’Atlantico fino all’affermazione nel Nuovo Mondo. La storia di un secolo d’arte straordinaria che racconta il modo in cui l’immigrazione di artisti europei ha contribuito a seminare la corrente anche oltreoceano.

Grand Opening Giovedì 18 ottobre, sarà poi possibile accedere all’esibizione secondo gli orari di apertura al pubblico del museo. Di seguito il link, per tutte le informazioni del caso.

www.wolfsonian.org

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteMiami troppo altalenante e Orlando ne approfitta
Articolo successivoRichardson ingrana la marcia e porta gli Heat alla vittoria
Eleonora Gavaz
Nasco a Vienna il 23 maggio 1990. All'etá di tre anni mi trasferisco in Italia, una piccola Heidi in mezzo alle montagne. Non passa molto prima che mi renda conto di aver bisogno dello stimolo della cittá, di quel caos tutto suo per poter dar libero sfogo alla mia straordinaria, immensa passione: Scrivere. Portato a termine il Liceo Linguistico mi trasferisco a Milano per buttarmi a capofitto in quel mondo che da sempre mi ha affascinata e da cui non ho più potuto prescindere. Allo IULM di Milano comincio il corso di giornalismo e collaboro con diverse testate tra cui Sport Mediaset, Vanity Fair e Sky Cinema. Qualche anno fa ho deciso di provare a dare una svolta alla mia vita e così mi sono trasferita prima a New York e dopo a Miami dove (almeno per ora) spero di aver trovato la mia strada 😊

LASCIA UN COMMENTO