Passeggiando per Ocean Drive capita spesso di poter ammirare questa meravigliosa creatura prendere il sole. In tutta calma e tranquillità l’Iguana vive nella città di Miami e nel sud della Florida in generale. Così come per noi umani, anche per questo tipo rettili Miami rappresenta il paradiso, l’Eden terrestre tutto personale in cui vivere felici, baciati dal sole e accarezzati dalla brezza atlantica.

Si nutrono di vegetali e, totalmente innocue per la salute dell’uomo, proliferano in lungo e in largo grazie al clima subtropicale della Florida del sud e alla totale assenza di predatori. Questo idillio però ha un rovescio della medaglia importante che crea problemi nella convivenza con l’uomo e può portare la città di Miami a drastiche soluzioni.

Le iguana, stupende creature frutto di milioni di anni di evoluzione, recano notevoli danni alle proprietà private perché scavano grossi tunnel per la nidificazione, molte sono le storie che si raccontano sulle azioni delle iguana che hanno portato, talvolta, a danni da decine di migliaia di dollari.

L’uomo spesso dimentica che è lui stesso la causa dei suoi problemi, modificando il territorio a suo gusto piacimento si aspetta che gli animali si adattino a lui senza creare alcun fastidio, ignorando che la sua stessa esistenza non è altro che una piccola parentesi in un habitat mondiale che vive in equilibrio da milioni e milioni di anni.

Il problema è serio sia per l’uomo che per le iguana, in quanto ormai si è arrivati a livelli in cui è necessario prendere in mano soluzioni utili ed efficaci per controllare l’aumento demografico dei questi rettili, sono troppi e senza predatori aumentano di numero vertiginosamente. A nulla è servita la crudele legge di poter uccidere queste meraviglie se avvistate su proprietà private, né tanto mento l’assunzione di cacciatori specializzati. Nel frattempo i lucertoloni hanno creato danni a linee elettriche, scavano da per tutto, inconsapevoli che questa loro attività porterà Miami a drastiche soluzioni. Eccoci arrivati alle drastiche soluzioni, che altro non sono che ulteriori modifiche in un mondo già enormemente modificato.

Ma quali soluzioni possiamo adottare?

Uccidere a vista non risolve nulla, dato che ogni nidiata dà alla luce tra i 12 e i 30 nuovi esemplari e i nidi sono introvabili perché scavati sotto terra. Magari questa sarebbe l’occasione giusta per prendere coscienza del nostro ingegno e magari cercare per la prima volta nella storia dell’uomo un modo per poter vivere in equilibrio con l’ambiente circostante senza imporci.

La soluzione a questo problema di certo non è facile e neanche immediata, anche questa volta proveremo a sostituirci con la natura inserendo un predatore che mangia le iguana? Forse la strada da intraprendere per risolvere questo tipo di problemi ci porterà a comprendere, finalmente, che dovremmo vivere in equilibrio con la natura, accettando pregi e difetti degli animali intorno a noi, ricordandoci che gli animali di questo pianeta sono l’unico vero legame con madre-natura e che noi “umani” discendiamo da loro in qualche modo.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO