A un anno dall’apertura del primo dispensario di Miami nell’Aprile dello scorso anno, anche Miami Beach avrà la sua clinica a base di Cannabis terapeutica.

Surterra Wellness è una delle cinque aziende ceritificate per le coltivazione e raffinazione di cannabis terapeutica, e lo scorso venerdì ha inaugurato in Alton Road il primo dispensario di Miami Beach. Il mercato è in crescita, la cultura della cannabis si sta sempre più diffondendo, e l’americano medio inizia a essere stanco della pill economy e dei suoi farmaci miracolosi da assumere per risolvere qualsiasi problema nella vita, spesso per ovviare agli effetti collaterali di altri farmaci miracolosi per risolvere eccetera eccetera. La convinzione e gli studi di molti attivisti e aziende che operano nel settore della Cannabis è che alcuni disturbi si possono trattare grazie ai principi attivi (in primis THC e CBD) presenti nelle varianti di canapa presenti in natura o ottenuti da incroci selezionati e ibridazioni, e per questo sono presenti prodotti e varietà per le necessità più disparate, dalle tinture ai cerotti transdermici, dai vaporizzatori agli spray.

Ehi, amico rasta! Non siamo ad Amsterdam!

C’è un aspetto da sottolineare: la cannabis terapeutica non è per uso ricreativo, altrimenti non sarebbe scritto “terapeutica”. La Florida non è il Colorado o Washington, l’uso  ricreativo è ancora punito per legge, e per accedere alla Cannabis terapeutica serve la ricetta di un medico specialista, in alcuni casi anche del parere di un secondo specialista diverso da quello che ha scritto l’impegnativa, non è un giochetto da volo low cost + ostello + marea di cannoni + fame chimica al KFC/altro. Un dispensario non è un coffee shop, per capirci. Anzi, la contea di Miami-Dade avrebbe voluto porre il limite di 3 al numero massimo di cliniche sul territorio, ma una legge di giugno 2017 del grande Stato della Florida ha impedito ai legislatori di differenziare il trattamento tra farmacie comuni e dispensari.L’obiettivo di cliniche e dispensari è portare sollievo a persone con condizio debilitanti conclamate, e in Florida una legge apposita prevede quali siano i requisiti per poter essere iscritti al registro dei pazienti curati con cannabis terapeutica, ovvero: Cancro, Epilessia, Glaucoma, positività all’HIV, AIDS conclamata, PTSD (Sindrome da Stress Post-Traumatico), SLA, malattia di Crohn, morbo di Parkinson, sclerosi multipla, malattie in fase terminale, dolore cronico. In aggiunta a queste, il secondo emendamento alla legge sulla cannabis terapeutica in Florida, passato a fine 2016, prevede anche una seconda serie di condizioni per cui si può ottenere la Florida Medical Marijuana Card ( https://www.marijuanabreak.com/how-to-get-a-medical-marijuana-card-in-florida/ ): Ansietà, anoressia, artrite, dolore alla schiena, sindrome da deperimento, vomito ciclico, diabete, Epatite C, sindrome del colon irritabile, sindrome di Lyme, emicrania, spasmi muscolari, distrofia muscolare, dolore acuto e/o cronico, nausea acuta, anemia falciforme, spasticità, malattie allo stadio terminale, eventuali altre condizioni debilitanti.

https://www.instagram.com/p/Bggpyhvht5W/

Trattamenti medici o paramedici che dir si voglia, il cammino per arrivare alla legalizzazione della cannabis terapeutica è stato lungo e travagliato, e i fan delle foglie a sette punte conoscono già la trafila che ha portato a questo, ma ricordiamola assieme: dopo anni di campagna, nel Novembre 2016 6,5 milioni di elettori in Florida hanno votato per la legalizzazione della cannabis terapeutica, rivoluzionando un settore che era da anni relegato alla semi-illegalità, operando da capannoni anonimi o location segrete; ad Aprile 2017 è stata aperta una clinica della Trulieve, e oggi Miami Beach ha il suo primo dispensario. Il primo di una lunga lista, se pensate che in Florida sono già più di 100.000 gli iscritti al registro dei consumatori di Cannabis terapeutica, su quasi 20 milioni di abitanti e con circa 50 milioni di turisti l’anno. Chiudiamo l’articolo con una curiosità: perché non abbiamo mai usato la parola Marijuana in questo articolo, a parte citare la Florida Medical Marijuana card? Perché è un termine discriminatorio nei confronti della popolazione latina, un quarto degli abitanti del Sunshine State, usato negli anni ’30 dal magnate dei giornali William Randolph Hearst, l’uomo che ispirò Quarto Potere di Orson Wells, nella sua campagna per vietare la cannabis e i suoi derivati, soprattutto la carta, ben più economica di quella ottenuta dagli alberi. Una concorrenza che non piaceva al magnate. E solo oggi, dopo 81 anni, la situazione si sta nuovamente normalizzando e si intravede la fine di una repressione che non ha eguali negli USA: nel 2016 più di 600.000 persone sono state arrestate per reati legati alla sola Cannabis, più di tutti gli arresti per crimini violenti sommati tra loro.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here