50 aziende toscane dell’arredo sono pronte a sbarcare negli Usa grazie al progetto di internazionalizzazione coordinato da Artex promosso e finanziato dalla Regione Toscana. Da Settembre gli artigiani avranno la possibilità di enfatizzare ancora una volta il made in Italy, e attraverso un percorso guidato e programmato conosceranno i clienti statunitensi e in modo da poter consolidare così la propria posizione sul mercato. Grazie ad un’accurata ricerca di mercato sono stati individuati operatori qualificati in grado di stringere rapporti commerciali con le aziende toscane impegnate nei settori dell’arredo, dei  complementi, dell’illuminazione e degli imbottiti. In totale, 19 figure tra importatori, distributori, interior designer e architetti che operano su New York, Chicago, Miami e AtlantaGiovanni Lamioni, Presidente di Artex, spiega: “Uno degli obiettivi di Artex è agevolare e concretizzare i percorsi di internazionalizzazione delle imprese artigiane del settore casa. Abbiamo raccolto la volontà delle nostre aziende di allargare il proprio mercato, di espandersi, e per farlo abbiamo ritenuto fondamentale costruire un progetto integrato, che produca risultati tangibili sul lungo periodo. Il momento è quello giusto, e ci sono spazi potenzialmente molto interessanti per i nostri artigiani”.

Il mercato statunitense – afferma l’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo –  nonostante le difficoltà recenti, resta uno dei mercati di riferimento per il Made in Italy, a cui anche la Regione Toscana guarda con attenzione. Un mercato tuttavia complesso, che richiede approcci mirati. Per questo motivo la Regione Toscana ha messo in campo in questi anni una progettualità dedicata al settore dell’arredo, una progettualità diretta a migliorare la competitività delle nostre imprese, rafforzandone la capacità di innovare, la flessibilità e l’attenzione al prodotto unico, di qualità. Elementi fondamentali per affermarsi sul mercato americano”.

Per informazioni: http://www.artex.firenze.it/

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO