Il cambiamento climatico compie un’ennesima vittima illustre: le palme di Miami Beach.

La skyline di Miami Beach come la conoscete oggi, resterà tale ancora per poco.
Con l’innalzamento delle temperature, con l’intensificarsi delle precipitazioni legate a uragani e tempeste tropicali e la crescita costante di anidride carbonica che non si riesce a smaltire, la città di Miami Beach corre ai ripari e arriva a sacrificare il proprio stesso simbolo pur di proteggersi dal clima impazzito.

Le palme sono alberi stupendi e iconici, ma generano pochissima ombra, e assorbono veramente poca acqua. Un problema, quando è il momento di assorbire le piogge di una tempesta tropicale, o durante la lunga estate tropicale.

È con grande rammarico, quindi, che nei prossimi 10 anni verranno rimosse e ricollocate ben 1500 palme, rimpiazzate da oltre 5000 alberi di tipologie diverse, allo scopo di aumentare la superficie ombreggiata e il potere assorbente del terreno.
Il costo stimato per l’operazione è di circa 5milioni di dollari.

I palmeti saranno presto un romantico ricordo, presto appariranno nuovi alberi al loro posto, o in mezzo.

Sono già 22 i progetti per ricollocare le palme ed evitare che vengano perse.

Un passo doloroso ma dovuto, in un’epoca in cui gli eventi climatici si fanno sempre più violenti.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here