Uno degli insegnanti del liceo di Parkland che aveva detto sì all’ipotesi di portare un’arma a scuola dopo il massacro del 14 febbraio è stato arrestato dopo che ha dimenticato la sua pistola, carica, in un bagno pubblico. E’ il Miami Herald a pubblicare la storia dell’arresto, avvenuto domenica scorsa, di Sean Simpson, insegnante di chimica alla Marjory Stoneman Douglas High School, dove quasi due mesi fa sono state uccise 17 persone da uno studente.

Secondo il rapporto dell’ufficio dello sceriffo Simpson aveva dimenticato la sua Glock calibro 9 in un bagno del Deerfield Beach Pier dove è stata trovata da un senzatetto che l’ha presa ed ha sparato un colpo. La polizia, oltre ad arrestare ed incriminare l’uomo che ha rubato la pistola, ha anche arrestato il proprietario dell’arma per non averla custodita in sicurezza. Simpson è stato rilasciato dietro il pagamento di una cauzione di 250 dollari.
A differenza di Simpson, la maggioranza degli insegnanti e studenti del liceo della Florida – diventato il centro propulsivo del nuovo movimento per il controllo delle armi in tutto il paese – ha definito una “pessima idea” la proposta di Donald Trump di armare gli insegnanti per difendere gli studenti da eventuali attacchi. E nei giorni scorsi il distretto scolastico di Parkland ha deciso di non avvalersi la possibilità di armare gli insegnanti inserita nella legge sul controllo delle armi approvata dalla Florida poche settimane dopo il massacro.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO