Braydon Burton a soli 6 anni è diventato proprietario di un’azienda di limonate. Lo spirito imprenditoriale innato, ereditato dal padre e dal nonno, lo ha spinto a contribuire alla situazione della sua famiglia con una nuova idea che si è presto trasformata in un vero business: vendere limonate. Come tutte le madri protettive e con i piedi ben saldi per terra, Katrice Burton aveva difficoltà a credere a quello che stava accadendo ma Braydon, già dalla sua prima volta, era riuscito a vendere così tante limonate da decidere subito di creare anche altri gusti: lampone, fragola, pesca, anguria e frutto della passione, oltre ai limoni a cui dovrà sempre la sua veloce notorietà. Tutta la Florida sostiene il piccolo imprenditore supportandolo nel suo semplice ma geniale business. Reginald Noralus, direttore generale della House of Mac, ha deciso infatti di offrirgli l’opportunità di vendere il suo prodotto che ha raggiunto in pochissimo tempo un grande successo. In due ore sono andate a ruba oltre 100 bottiglie di limonata, guadagnandosi una forte pubblicità  e la conseguente continua richiesta dai suoi nuovi clienti. Noralus ha infatti deciso, con l’accordo della madre, di continuare a vendere le limonate di Braydon che continuavano dopo la prima prova ad essere richieste dai suoi “fans”. Oggi la House of Mac ha una vera partnership con il magnate junior della limonata che ha già promesso che non si fermerà qui e sogna di arrivare con le sue bottiglie in tutto il mondo. Braydon Burton a soli 6 anni ci ricorda quello che i latini ci avevano già anticipato con il celebre proverbio “la fortuna aiuta gli audaci”. Quando tutto quello che hai è un limone e un’idea, puoi creare un business. Bisogna crederci e provarci.

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteCosa fanno un cavallo e una cubista in un locale strapieno di Miami?
Articolo successivoOscar 2018: 90 candeline di pura emozione
Roberta Fioretti
“È una Erre! Irriverente, irragionevolmente indisponente. Lei non è un fiore, ha solo spine, è un cactus verde”. È così che con autoironia si descrive Roberta Fioretti in una delle canzoni che la vedono come autrice. Laureata con lode alla magistrale di Linguistica e in Lingue e letterature straniere, iscritta alla Siae come autore, sa come sfruttare il potere delle parole. Da Prof. di lingua francese a commerciale vendite passando dal suo ultimo progetto di Tango Terapia, trasforma le idee in parole e le parole in progetti. “È sulla torre non c’è più il drago Lei l’ha mangiato”.

LASCIA UN COMMENTO