Taglio del nastro per la 36esima edizione del Miami Film Festival che andrà avanti per dieci giorni fino a domenica prossima con numeri da record e tantissimi teatri coinvolti in tutta la Florida del Sud.
«Quest’anno abbiamo 175 film in concorso», ha detto l’Executive Director Jaie Laplante, «è stato fatto un grandissimo lavoro e siamo onorati di poter ospitare così tanti registi. Buona parte del merito è anche dei nostri nuovi partner: il Miami Design District, Downtown e Silverspot Cinema, che ci hanno permesso di avere nuovi spazi».
“This changes everything” è stato il film di apertura, un documentare con un cast di attori famosi prodotto da Ilan Arboleda, di Miami: «Parliamo dell’uguaglianza di genere a Hollywood. Andiamo a esplorare le discriminazioni tra gli attori e tra chi sta dietro la telecamera. Il mio partner è Geena Davis e fanno parte del film Kate Blanchette, Meryl Streep, Jackie Cruz, Natalie Portman, Reese Witherspoon, Rosario Dawson e molti altri. Per me – ha concluso Arboleda – portare questo film nella mia città natale ha un grande siignificato perché è una meravigliosa vetrina e un festival cinematografico con film da tutto il mondo che di fatto è la porta per l’America Latina».

Qui il programma dei Miami Film Festival 2019

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteBuongiorno Miami ritorna!
Articolo successivoMiami chiude con +29 sui Nets
Alessandro Petrini
Formazione classica e grande passione per la cultura francese, l’economia e lo sport. Sono giornalista, imprenditore e allenatore di pallacanestro. Dopo un anno in Svizzera, a Losanna, sono rientrato in Italia dove ho dato il via alla mia agenzia di comunicazione - Clip Comunicare - e a Fullcourt, un progetto che vuole creare opportunità negli Stati Uniti per i giovani atleti europei. Ora vivo a New York, da dove ogni giorno provo a far conciliare tutto questo.

LASCIA UN COMMENTO