Elezioni legislative in Italia il 4 marzo, votano anche i residenti all’estero. E in questi giorni si presentano ufficialmente le liste anche per le circoscrizioni fuori dall’ Italia. Negli Stati Uniti correrà per eleggere un suo rappresentante una compagine che non ricalca lo schema tradizionale dei partiti: l’Italia di Mameli.
A presentare la lista è Andrea Natale, un giovane giurista cresciuto tra i banchi delle università americane e che ha già nel suo curriculum una vasta esperienza nel campo legale. La sua lista ha come scopo quello “di portare – si legge nella presentazione – la voce degli italiani oltre oceano anche a Roma, in parlamento”.
Il programma è presto descritto in pochi ma importanti punti: “Innanzitutto il tema dell’ufficio di cittadinanza – spiega Natale – I poteri di rappresentanza non devono esaurirsi in parlamento, i rimborsi per l’esercizio di mandato possono permettere ai cittadini di interfacciarsi con la rete consolare e la pubblica amministrazione; aumento delle risorse dell’Italian trade agency: per garantire visibilità alle start up italiane ed investimenti internazionali; completamento del portale servizi consolari online: lanciato nel 2013 e non ancora operativo come promesso per anagrafe e voto all’estero, documenti e certificati, assistenza ai connazionali; incremento delle risorse della rete consolare: per dare più supporto e servizi ai cittadini italiani all’estero”.
La lista rappresentata da Andrea Natale vuole quindi “Potenziare – spiega ancora – le strutture che permettono di interfacciare la nazione Italia, con quegli italiani che per scelta o necessità hanno deciso di trasferirsi all’estero. Basti pensare all’aumento dal 2006 al 2016 da tre milioni a quasi cinque milioni il numero di connazionali presenti in tutto il globo. Potenziamento che passa sia dall’aumento del budget della direzione generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie, che negli ultimi 10 anni è stato dimezzato da 82 a 41 milioni di euro, sia dal potenziamento del budget dell’ufficio del ministero affari esteri per la promozione dei diritti degli italiani all’estero, protezione ed assistenza, promozione dello sviluppo sociale linguistico e accademico nonché delle comunità italiane, che è aumentato già ma occorre ulteriormente potenziare”.
Per firmare per la presentazione della lista (come di tutte le altre in corsa) alle prossime elezioni ci si può recare in qualsiasi consolato dell’America settentrionale e centrale per depositare la firma che non comporterà l’adesione al simbolo e al partito ma permetterà di apporre il simbolo tra quelli presenti nella scheda elettorale.
Per ulteriori informazioni sulla lista http://www.italiadimameli.com/consularlocator/

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO