E’ di scena a Miami dal 12 al 14 ottobre il Miami Archmarathon Awards, evento di grande importanza nel mondo dell’architettura e del design, che premierà i migliori progetti architettonici e di interior design realizzati sul continente americano.

Al Faena Forum di Miami Beach, davanti ad una platea di architetti e designer giunti da tutto il mondo, verranno presentati e discussi 42 progetti selezionati dalla giuria presieduta dall’architetto e critico architettonico italiano Luca Molinari.

Le giornate saranno una riflessione sulle dinamiche che mettono in relazione il progetto e il suo fruitore, l’essere umano: l’uomo è l’individuo che usufruisce e beneficia dei risultati di un processo creativo, sia esso finalizzato a dare forma ad una sedia, ad un appartamento, ad un edificio o ad una città.

Luca Molinari, architetto e docente presso l’Università della Campania, ha al suo attivo numerose pubblicazioni e riconoscimenti

Al termine di questa “tre giorni” verrà conferito un premio per ognuna delle macro-categorie progettuali ed un riconoscimento al migliore progetto in assoluto.

Queste le tematiche affrontate per ogni categoria di progetto:

Movimento: infrastrutture e trasporti, paesaggio e spazi aperti.

Vita: interni di residenze private, architettura di residenze private, edifici abitativi.

Sogno: arte e cultura, edifici scolastici, opere civiche.

Lavoro: interni di uffici, architettura di uffici.

Svago: bar e ristoranti, strutture ricettive e tempo libero, commercio e vendita.

Salute: centri sportivi, strutture medico-sanitarie, centri benessere.

Idee: edifici futuribili, pianificazioni urbane.

Ri-considerazioni: restauri e riqualificazioni.

Il Faena Forum, inaugurato lo scorso anno, ospiterà a Miami Beach l’edizione americana dell’Archmarathon

All’evento parteciperà in veste di sponsor anche l’italianissimo Cluster Arredo e Sistema Casa Fvg, che dal Friuli porterà all’Archmarathon le sue collezioni.

Le aziende che fanno parte del Cluster friulano sono Chairs &More, Cizeta, Crassevig,Frag, Piaval e Torre, fiore all’occhiello del made in Italy.

Il Friuli è leader in Italia nella produzione di tavoli e sedute di fascia medio-alta, ed il presidente del Cluster, Franco Di Fonzo, ha ribadito quanto alto, ed in continua crescita, sia l’interesse da parte del mercato americano verso l’arredo made in Italy.

Dopo l’International Contemporary Furniture Fair, l’Archmarathon fornisce un’ulteriore conferma di quanto le eccellenze e le personalità del design Made in Italy siano apprezzate e ricercate sul suolo americano, non solo dal punto di vista produttivo, ma anche come plusvalore culturale.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO