Morire a 20 anni. Nessuno avrebbe pensato a questo finale per xxxTentacion, nome d’arte di Jahseh Onfroy, artista emergente ma già famoso sulla scena rap.

xxxTentacion si trovava a Deerfield Beach, città 70km a nord di Miami, dove si era recato per visitare un negozio di motociclette. All’uscita dell’esercizio commerciale Jahseh è stato avvicinato da due persone che hanno provato a rubargli la borsa di Louis Vuitton che aveva con sè, per poi aprire il fuoco a bruciapelo quando Onfroy ha opposto resistenza. I due uomini sono poi fuggiti a bordo di un SUV scuro.

Onfroy e la borsa oggetto della rapina

La notizia è rimbalzata subito in tutto il mondo, colpendo i seguaci della scena rap e hip hop di ogni latitudine, lasciando sorpresi e un shockati anche i fan più “maturi”, più abituati ai livelli di violenza e alla presenza della morte nel mondo del rap. Nonostante abbia passato buona parte della sua carriera nel carcere della contea di Miami-Dade, per violenza sulla compagna incinta, minacce a testimoni, ecc., Onfroy era riuscito a costruire e mantenere un corposo seguito di fan e supporter anche nei periodi in cui non poteva esibirsi e pubblicare. Numerosi gli omaggi dei fan e le opere crossover che gli sono state dedicate negli anni, in particolar modo quelle attinte dal mondo dei Simpson. Considerato uno dei 100 rapper-hardcore più influenti al mondo, la sua morte ha già avuto effetti sul mondo dei social: il coroner doveva ancora confermare la morte e l’identità di xxxTentacion, e già decine di meme avevano invaso la Rete, oltre a video a tema Evangelion e montaggi:

Salito anche il prezzo degli oggetti appartenuti a Onfroy quand’era in vita, come ad esempio la sua Lamborghini, non quella su cui è stato ucciso, prontamente messa all’asta appena si è diffusa la notizia.

Ma oltre ai meme ci sono le centinaia di migliaia di tweet e messaggi di cordoglio sui social per la morte prematura di un giovane così promettente; su tutti spicca Kanye West, che su twitter dice: “Non ti ho mai detto quanto tu sia stato capace di ispirarmi, grazie per la tua esistenza”.


Al cordoglio si sono uniti anche Travis Barker, Jidenna, J.Cole, Diplo e moltissimi altri. Una vita dura, con una sfera personale altamente criticabile, terminata sull’asfalto in modo stupido, lasciando  un’eredità di piccoli capolavori pieni di positività e automiglioramento, canzoni che sono veri e proprio inni alla vita e al rispetto di sè, questa è tutta l’eredità che ci ha lasciati un artista che avrebbe potuto fare moltissima strada, se non l’avessero fermato per rubargli una borsa.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here