Il primo passo per prevenire una tragedia è essere in grado di identificare problemi mentali e comportamenti devianti presenti negli studenti, ed è per questo motivo che il distretto provvederà all’assunzione di 75 professionisti specializzati nella salute mentale.”  Queste le parole raccolte da Local 10 News di Alberto Carvalho, sovraintendente delle scuole pubbliche della contea di Miami-Dade.

Ricordando la recente sparatoria che ha visto coinvolti gli studenti della Marjory Stoneman Dougles High School di Parkland, Carvalho sottolinea come la violenza armata e la sicurezza nelle scuole siano discorsi di importanza fondamentale. Sono molto frequenti le notizie di avvenimenti tragici, che col senno di poi si sarebbero potuti evitare.

Una giusta prevenzione, l’attenzione necessaria nei confronti di un disagio interiore che scaturisce in una violenza quasi ‘inumana’, il controllo, il supporto psicologico, saranno alla base del nuovo intervento presentato da Carvalho. I giovani necessitano di protezione e di attenzione. La scuola, al fianco della famiglia, è l’agenzia formativa per eccellenza e, in quanto tale, deve farsi carico delle esigenze dei più giovani, prevenendo e supportando il disagio laddove si presenti una reale necessità.

Carvalho ha annunciato, che è tempo di definire nuove norme per la sicurezza scolastica, anticipando inoltre che ci saranno delle misure straordinarie che diventeranno parte integrante del sistema di ogni struttura scolastica.

Oltre all’obbligo per gli studenti di indossare costantemente badge identificativi, ci saranno 100 nuovi agenti di polizia che si uniranno alle forze dell’ordine già presenti negli edifici di tutte le scuole medie e superiori, a cui si aggiungeranno frequenti controlli ‘casuali’ con rilevatori di metallo e con unità cinofile.

Aspetto innovativo, in termini di prevenzione, sarà inoltre l’uso di un software specializzato per l’analisi ed il monitoraggio delle informazioni condivise sui social network, al fine di identificare possibili minacce con largo anticipo.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO