A 3.1 secondi dalla fine il canestro di Wayne Ellington chiude la vittoria di Miami nella trasferta a Toronto per 90-89, interrompendo la lunga serie di vittorie casalinghe di DeRozan e compagni. Proprio DeMar DeRozan con i suoi 25 punti aveva portato Toronto a 89-88, ma il il canestro di Ellington a pochi istanti dalla fine ha sorpreso tutti, persino coach Spoelstra ha commentato i due punti della vittoria come un grande colpo di scena.

I Raptors soffrono la mancanza di Kyle Lowry e sono costretti a cambiare gioco, ma nonostante questo dimostrano di avere un buon ritmo offensivo per la maggior parte di gara. L’ultimo quarto è un continuo susseguirsi di botta e risposta tra le due squadre: a 6.21 minuti gli Heat dominano per 80-73, Toronto recupera con i due tiri liberi di Wright ma Miami contrattacca, e siamo a 84-77. La tripla di Wright e il layup di DeRozan portano il vantaggio ai Raptors (87-86), ma Dragic non tarda a riportare la situazione in favore degli Heat (88-87), prima dello sconvolgente finale tra DeRozan e Dragic.

Serge Ibarka e James Johnson

Colpi di scena e tensione sono gli ingredienti principali di questo match, perchè sì, non sono mancati momenti di estrema fisicità. Lo sanno bene le due ali, Serge Ibarka per Toronto e James Johnson per Miami, che dopo spintoni e trattenute, sono arrivati alle mani guadagnandosi entrambi l’espulsione.

Ibarka e Johnson, però, non sono gli unici animi accesi: dopo il fischio di fine sono volati spinte e un po di parole forti anche tra Goran Dragic e DeMar DeRozan, che hanno rischiato di venire alle mani, ma l’intervento di Spoelstra ha rimesso ognuno al suo posto.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO