Così è arrivata la sentenza che ha condannato Il Sig. Solano per aver pianificato l’esplosione di un ordigno all’interno di un centro commerciale a Miami.
Era il 14 Marzo quando l’uomo, originario delle Honduras e residente a Miami, si è dichiarato colpevole per aver pianificato un attentato presso uno dei centri commerciali più famosi a Miami. La condanna è stata emessa pochi giorni fa dal giudice Distrettuale degli Stati Uniti Paul C. Huck, sommandosi alle accuse di aver dato supporto materiale all’ISIS da Solano stesso in passato. A dare la notizia in una nota congiunta alla stampa sono stati il procuratore Federale Benjamin G. Greenberg e L’assistente al procuratore generale per la sicurezza nazionale Jhon C. Demers e l’agente speciale dell’FBI Robert F. Lasky.
Il Procuratore Nazionale Demers ha ringraziato il lavoro svolto dalle donne e dagli uomini delle forze dell’ordine della Florida e dell’FBI per aver assicurato alla giustizia il terrorista Solano e per aver messo in sicurezza gli abitanti di Miami da un attentato. Un lavoro congiunto tra le forze federali e la task force anti terrorismo del sud della Florida, ha permesso di pianificare l’operazione di cattura nei minimi dettagli. All’insaputa di Solano, che aveva l’intenzione di effettuare un attentato insieme ad un gruppo anti USA, due agenti infiltrati avevano “supportato” l’azione di quest’ultimo che aveva deciso di apparire in alcuni video pro ISIS, fornendogli del materiale esplosivo (inerte, dunque non pericoloso per nessuno) da installare all’interno di un centro commerciale con l’intento di farlo detonare. Convinto della riuscita del piano, l’operazione delle forze Federali si è conclusa con l’arresto di Solano poco prima di mettere in atto il piano, permettendo così di smantellare la cellula terroristica nel sud della Florida.

Per avere maggiori informazioni e per visionare le carte processuali, è possibile visitare il sito della corte distrettuale e della corte del Sud della Florida: http://www.flsd.uscourts.gov oppure http://pacer.flsd.uscourts.gov.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO