Settimana intensa quella che comincia oggi, Lunedì 5 Novembre.

Le elezioni di metà mandato sono alle porte e l’incertezza che si respira ha precedenti che mettono radici solo molto indietro negli anni. Sarà che tutto questo circo mediatico costruito intorno all’attuale Presidente degli Stati Uniti sta (infondo) facendo il suo dovere stimolando il senso civico dei più che si sono già riversati alle urne per assicurarsi un posto in una democr(azia) che mai come adesso vorrebbe o più semplicemente dovrebbe riscattare il proprio ruolo.

Spolveriamo l’attuale quadro politico nello Sunshine State:

La corsa al Senato vede una delle competizioni più sofferte e più costose degli ultimi anni: da una parte il democratico Bill Nelson impegnato a difendere la sua poltrona dal repubblicano Rick Scott.

Al Governo si combattono lo scettro i due fari guida delle rispettive fazioni: il democratico Andrew Gillum e il repubblicano Ron DeSantis. Ricordiamo che i democratici non vincono una corsa al Governo dal 1994.

L’affluenza alle urne è già di 5.1 milioni di votanti, 1.9 milioni in più rispetto ai 3.2 registrati nel 2014.

I Democratici registrati sinora rappresentano il 40.6% dei votanti, contro il 40.1% di Repubblicani e il 19.3% di altri partiti indipendenti per un totale di 5.111.452 votanti già registrati. L’afflusso alle elezioni del 2014 è stato del 51% in totale, per poi balzare ad un 75% alle Presidenziali.

E’ fondamentale segnalare che un vantaggio nelle attuali votazioni non contribuisce a far pendere la bilancia a favore di nessuno, soprattutto considerando che nel 2016 Trump ha “vinto” la Florida con un colpo di coda il giorno stesso delle Presidenziali.

Il Roller Coaster politico a stelle e strisce è appena cominciato, allacciamo le cinture di sicurezza e aspettiamo il famoso giro della morte a testa in giù!

Commenti Facebook

Condividi
Articolo precedenteMidterm elections da tutto può accadere
Articolo successivoAmazon esclude Miami dalla corsa all’Headquarter 2
Eleonora Gavaz
Nasco a Vienna il 23 maggio 1990. All'etá di tre anni mi trasferisco in Italia, una piccola Heidi in mezzo alle montagne. Non passa molto prima che mi renda conto di aver bisogno dello stimolo della cittá, di quel caos tutto suo per poter dar libero sfogo alla mia straordinaria, immensa passione: Scrivere. Portato a termine il Liceo Linguistico mi trasferisco a Milano per buttarmi a capofitto in quel mondo che da sempre mi ha affascinata e da cui non ho più potuto prescindere. Allo IULM di Milano comincio il corso di giornalismo e collaboro con diverse testate tra cui Sport Mediaset, Vanity Fair e Sky Cinema. Qualche anno fa ho deciso di provare a dare una svolta alla mia vita e così mi sono trasferita prima a New York e dopo a Miami dove (almeno per ora) spero di aver trovato la mia strada 😊

LASCIA UN COMMENTO