MIAMI – Il margine di vittoria del repubblicano Ron DeSantis nella corsa a governatore della Florida si era ristretto ieri quando erano stati aggiunti altri voti, avvicinando quindi Andrew Gillum alla soglia per innescare un riconteggio automatico. La differenza tra i due candidati era di 46.422 voti, lo 0,57%. Il candidato democratico Gillum, sindaco di Tallahassee, nel frattempo aveva già chiamato il suo rivale per fargli i complimenti per l’elezione, segnalando poi che avrebbe poi fatto di tutto perché si potesse andare avanti con il riconteggio, parlando anche di un numero sconosciuto di voti ancora in sospeso nella Contea di Broward, che storicamente è una roccaforte democratica. Riconteggio che intanto è già stato programmato per la corsa al senato della Florida, dove il governatore repubblicano uscente Rick Scott è in vantaggio di appena 26mila voti, lo 0,32%, sul senatore democratico Bill Nelson. Intanto nelle elezioni di Midterm non c’è stata l’ondata blu che i Democratici si auguravano. Dopo 8 anni il partito Democratico ha riconquistato la Camera ma i Repubblicano hanno confermato il controllo del Senato ottenendo anche 25 governatori contro i 21 dei democratici. «E’ il momento di unirsi, mettere da parte le faziosità e mantenere il miracolo americano», ha detto Trump rivolgendosi ai Democratici. Intanto è di fatto partita la campagna elettorale per le presidenziali del 2020 con Trump che parte in una situazione di vantaggio in cui ricoprire il doppio ruolo di governo e di opposizione, addossando ai Democratici ogni possibile stallo politico dei prossimi due anni.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO